Testimonianze

fiori-sorrisi

Qui puoi trovare un audio con la registrazione delle Testimonianze dirette dei corsisti che hanno partecipato al Corso di Evoluzione della Coscienza nei vari anni e delle persone che hanno lavorato nelle sessioni individuali di Counselling e Ipnosi. Fai un click sul Player qui sotto per ascoltarle:

Testimonianze Corsisti e Counsellee 1

Testimonianze Corsisti e Counsellee 2

 

Testimonianze di Counselling, Ipnosi e Life Coaching

Daniela M.
Ho conosciuto Greta qualche anno fa alla presentazione di un percorso sulla crescita della gioia nella consapevolezza. Mi hanno colpito la sua professionalità, la sua preparazione e la sua ricerca continua. Ho partecipato al percorso è ho apprezzato la serietà con cui ha accompagnato il gruppo. Dona con estrema generosità la sua conoscenza è gioiosa ed accogliente. Non crea dipendenza pur rimanendo a completa disposizione per chiarimenti o approfondimenti personali. Stavo già percorrendo un sentiero verso la consapevolezza ma l’incontro con Greta ha dato alla mia vita una svolta più decisa e veloce. Non manca mai di condividere nuove sperimentazioni che chiaramente ha già provato lei. È una persona discreta e delicata lascia sempre che sia l’individuo a decidere ed è pronta a supportarti in momenti delicati.

 

Damiano G.
Fuori dal comune. Greta è una persona molto competente? Si, ma questo è molto riduttivo. Greta è una persona speciale, in grado di comprendere a fondo ciò di cui hai bisogno e di donarti gli strumenti adattati a percorrere la tua strada per trovare le tue risposte… E’ in grado di accompagnarti e sostenerti sino a che ne hai necessità. Io non posso che essere incredibilmente grato di avere incontrato Greta.

 

Lorena M.

Ho partecipato a corsi tenuti da Greta Colapinto e ho avuto anche sedute private. Oltre alla preparazione indiscutibile, ciò che contraddistingue e rende unico il lavorare con Greta e’ la sua grande sensibilità’ e l’ enorme coerenza tra ciò che dice e ciò che vive. Senza alcun dubbio continuerò a farmi aiutare da Greta e sempre continuerò’ a consigliare a chi ne ha bisogno di affidarsi a questa persona speciale.

 

Maria Elena G.
Ho conosciuto Greta Colapinto ad un corso da lei organizzato molto interessante che mi ha colpito molto. Ero in una fase della mia vita un po’ particolare: la morte di mia mamma, il rapporto con mio padre, l’ambiente di lavoro e in più mi chiedevo spesso che senso avesse la mia vita, il perché essere qua e se veramente ci fosse uno scopo….. Mi chiedevo perché entro sempre negli stessi meccanismi, attraggo persone sbagliate, succede sempre qualcosa nel momento sbagliato e seguono poi episodi a catena? Bene ho incominciato un percorso con lei (7 sedute in tre anni)e inizialmente incredula, ebbene oggi ringrazio Greta Colapinto perché con il suo lavoro di Counsellor, analista ecc..mi ha realmente aiutato ad uscire da molti meccanismi e a ritrovare me stessa e ho capito e superato da sola le mie difficoltà e tutte le tematiche indicate. La cosa fantastica è che a differenza di un psicologo che sicuramente fa emergere la problematica e basta e poi ti prescrive psicofarmaci, Greta Colapinto utilizza strumenti innovativi, come l’ipnosi, eft e logosintesi che ho imparato ad utilizzare quando ne sento il bisogno e in più ciò che emerge in una seduta viene realmente rimossa. Concludo dicendo che la consiglio a tutti, quello che fa è veramente un qualcosa di speciale che veramente con passione e amore. MariaElena73

 

Antonella I.
Io penso che sia una persona meravigliosa! A me ha aiutato tanto e mi sta facendo capire cosa significa amarsi ed amare la vita . Mi ha fatto scoprire cose che se non l avrei mai incontrata non ne venivo a conoscenza . Averne al mondo tante di lei!

 

Mayra B.
Ho conosciuto Greta 8 mesi fa in un momento non particolarmente sereno della mia vita, troppi pensieri, domande, senso di vuoto..Ho deciso così di intraprendere un percorso individuale grazie al quale attraverso degli strumenti ho capito quanto sia importante vivere il “qui ed ora”; riesco a percepire la mia vita da un’altra prospettiva..i pensieri sono migliorati, sono più fiduciosa e più consapevole!!Dopo ogni incontro con Greta sentivo come se fossi in grado di poter affrontare tutto..insomma una me stessa molto più forte!!Tornavo a casa con grandi riflessioni e per la prima volta non mi facevo mille domande cercando risposte..ho capito che non è la mia mente a controllarmi!!! Consiglio a tutti Greta per la sua disponibilità, gentilezza, accurata preparazione e soprattutto per la sensazione di sentirsi di fronte ad un’amica in grado di ascoltarti ed uscire da questa esperienza in modo significativo per il proprio benessere fisico,mentale e spirituale!!!!!

 

Araja B.
una persona stupenda che inizialmente mi ha aiutato a risolvere un problema di relazione con una persona cara e tutt’oggi mi aiuta nei momenti difficili, sempre pronta ad ascoltare senza giudicare. Consigliatissima!

 

Monica C.
Ho conosciuto Greta circa due anni fa grazie e ad un’amica. Mi sono rivolta a lei perché avevo un pensiero fisso e ossessivo che mi tormentava da tempo, mi è bastata una seduta di ipnosi per ridimensionare e alleggerire il mio peso. Ho scelto di fare poi sedute di coaching e di ipnosi regressiva, anche senza avere un problema specifico, e mi sono resa conto che aiutano a capirsi e a mettere a posto quelle tessere che spesso mancano per completare il nostro puzzle della vita. Una cosa che mi piace delle sedute con Greta e quella di non avere un numero di incontri minimo stabilito, e la tariffa non è oraria ma ad incontro. Ho consigliato e continuo a consigliare Greta sia come ipnotista sia come counselor e tutti i riscontri sono positivi.

 

Lucia Francesca M.
Ringrazio le mie Amiche Elena e Giusy di avermi fatto incontrare Greta in un periodo veramente buio della mia vita. Cercavo di uscirne ma erano più gli sforzi che i risultati e un problema fisico dietro l’altro mi prosciugavano sempre di più. Greta con sole 3 sedute individuali mi ha sciolto quei nodi, che con la psicoterapia erano venuti a galla ma mi impedivano di fare il passo verso la felicita e verso la salute. Razionalmente sembrava tutto chiaro, ma emotivamente non riuscivo ad andare oltre. Greta mi ha permesso di liberarmi e di lasciare andare. Ho lasciato finalmente andare la rabbia, risentimento, sensi di colpa e paura. Ho visto finalmente i colori della mia vita. Ho ripreso le mie energie, la mia salute fisica e mentale e finalmente la voglia di vivere…qs vita meravigliosa, piena di amore!!! Ora vedo tutte le sfumature dei colori, vedo la meraviglia della vita. Mi sveglio con la voglia di vedere cosa mi riserva la giornata. Affronto tutto con il sorriso. La mia vita non è cambiata più di tanto….sono io che ora vedo le cose con una prospettiva diversa e tutto è meno faticoso e MERAVIGLIOSO!!! Grazie Greta di esistere 🙂 Lucia….luce

 

Testimonianza di risoluzione Attacchi di Panico con Ipnosi Regressiva e Tecniche di Cambiamento Rapido

Ale M.

Il mio problema è nato nel Luglio del 2007, quando, dopo un grave lutto, i membri della mia famiglia avevano perso il sorriso. Anche se la perdita non aveva coinvolto direttamente il mio nucleo familiare, si trattava comunque di un parente giovane e particolarmente legato a noi, ma cosa ancora più grave, eravamo accorsi sul posto ed eravamo spettatori di scene che nessuno di noi avrebbe voluto vedere. Oltretutto, suo padre, anch’egli parente stretto, era venuto a mancare all’improvviso un anno prima. Ormai sembrava che nulla avrebbe restituito la serenità in casa, ma cercavo ugualmente di farmi forza, appoggiandomi sugli amici di sempre. Questi, però, approfittarono del mio momento di debolezza per pugnalarmi alle spalle. A loro risultavo ormai “scomoda”, perchè non ero più in vena di “far festa” e, forse, anche perché sono sempre stati un po’ invidiosi del mio carattere forte, dunque per loro quello era il momento opportuno per “raddrizzarmi”, per “rieducarmi” e farmi diventare come loro avrebbero voluto che fossi: una persona con un successo inferiore al loro.

Tutto stava capitando troppo velocemente e il mio malessere psicologico arrivò a ripercuotersi sul fisico. Dopo un attacco di panico particolarmente forte, avvenuto mentre mi trovavo alla guida, non ero più in grado di salire in macchina e, pian piano, non fui più capace di uscire di casa: appena mi trovavo fuori dalla mia stanza mi sentivo svenire, la vista si appannava e mi mancava l’aria. Avevo bisogno d’aiuto e lo trovai inizialmente tramite il mio medico di base. Ciò nonostante, il riequilibrio della serotonina non era sufficiente: mi serviva supporto psicologico per andare alla radice del problema. Mia madre riuscì a far venire a casa uno psicologo: era giovane e senz’altro alle prime armi, era capace soltanto di chiedermi “E tu come ti senti?”. Io, che avevo studiato psicologia, non avevo mai creduto che potesse realmente servire a qualcosa per come è applicata, per di più, trovandomi di fronte il neo-laureato di turno, capii che ero senza speranze. Lui, più gentile degli altri, era stato l’unico disposto a venire “sul posto”, per poi dirmi, però: “La seconda seduta, se vorrai farla, la faremo in studio. Questo sarà il primo passo per la guarigione”. Mi arrabbiai moltissimo: il mio problema non era negare una condizione psicologica difficile, non avevo bisogno di dimostrare il mio voler “guarire”: semplicemente non riuscivo fisicamente ad uscire di casa, perchè tutto attorno a me mi travolgeva e mi sentivo svenire. Risposi: “Quando riuscirò a venire nel suo studio, vorrà dire che sarò già guarita”.

Passarono i mesi ed invece che migliorare, la condizione peggiorava, inoltre non avevo nessun supporto psicologico su cui contare. Intanto i miei “amici” mi avevano scaricata, per loro il mio problema erano “capricci”. Poi, un giorno, la svolta: un’amica di famiglia parlò a mia madre di Greta e del modo innovativo con cui applicava varie tecniche, tra cui la Logosintesi. Entusiasta, mia madre le chiese aiuto e Greta fu l’unica a non tirarsi indietro. Accettò di parlarmi telefonicamente per “prepararmi” a raggiungerla, un giorno, in studio. Anche il mio medico di base era entusiasta e ci disse: “Finalmente qualcuno che utilizza queste tecniche in Italia!”. Credo di essere stata la prima paziente “telefonica” di Greta e, fin dalla prima seduta -che ricordo come fosse ieri-, iniziai a sentirmi meglio. Sentivo l’energia che mi scorreva lungo le gambe e ricordo anche che, quando mi chiese di prendere un foglio per scrivere alcune cose, mi alzai dal letto e per la prima volta, dopo mesi, mi sentii stabile sui miei piedi.

Non ricordo per quanto tempo Greta mi aiutò per telefono, credo per alcuni mesi. Mi spiegò quali tecniche utilizzare. Lei non mi chiedeva semplicemente “Come ti senti?”, lei mi spiegava come avrei dovuto parlare al mio cervello per ottenere dei risultati concreti. Ogni giorno facevo dei progressi e, per fortuna, riuscivo ad assimilare il tutto. Poi, finalmente, riuscii a conoscerla di persona andando nel suo studio -in una magnifica cascina in mezzo al verde-. Non mi sembrava vero: mi trovavo lì, ero uscita di casa, mi avevano portato in macchina a più di mezz’ora da casa, eppure stavo bene. Le sedute continuarono dal vivo ed in quel periodo riuscii ad utilizzare la macchina anche per guidare io fino al suo studio. Finalmente mi stavo riappropriando della mia vita.

Ad oggi ho ancora molte cose da risolvere, ma i progressi che ho fatto sono stati costanti. Riesco ad uscire di casa, a passeggiare, ad entrare nei negozi ed anche a guidare. Ho ancora un lungo percorso davanti a me, perché il trauma che ho subito credo sia stato particolarmente forte, ma ancora di più lo è stata la reazione della mia famiglia: ormai non si festeggiava più il Natale, non vi era un giorno in cui non si dovesse andare al cimitero e così via. Anche loro, con il tempo, sono cambiati ed hanno capito che la vita va vissuta. Questo è stato possibile anche grazie all’arrivo di un nipotino. Vedendoli sereni e con l’aiuto di Greta, ho potuto capire che bisogna guardare al futuro con curiosità e con ottimismo.

Abbiamo fatto una vera e propria “indagine” interiore, andando ad esplorare anche i punti più “bui”. Se tornassi indietro, la prima cosa che farei è cercare il suo aiuto, senza indugiare. Ero ormai “senza speranze”, mentre ora sono ritornata una persona “quasi normale”. Dico quasi perché so di dover lavorare ancora un po’ sull’agorafobia, conseguenza diretta del “disturbo post-traumatico da stress” -lo chiamerebbero così, gli psicologi tradizionali, il mio problema-. Ciò nonostante, nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla mia “guarigione”, eppure sono riuscita a fare qualcosa di migliore di tutti i miei “ex amici”: diventare giornalista -sebbene l’abbia fatto “per hobby”-, intraprendere un percorso di studi importante, imparare a stare bene anche quando da sola e, soprattutto, a guardare le cose in modo più distaccato, consapevole, maturo e positivo.

Il prossimo passo? Vorrei concedermi una vacanza e so per certo che, dopo tutto quello che sono riuscita ad ottenere, questo sarà il passo più semplice, soprattutto considerando che so per certo che Greta mi aiuterà a prepararmi per questo nuovo traguardo.

Ale M.